+39 320.7954275

Ballo Pantomima della Cordella a Petralia Sottana

Petralia Sottana


Descrizione

Ballo Pantomima della Cordella

Il Ballo Pantomima della Cordella è una manifestazione folkloristica che si svolge ogni anno a Petralia Sottana la prima Domenica successiva al Ferragosto.L’evento per la sua rilevanza è stato inserito nel Libro delle Espressioni del Registro REI della regione Sicilia dal 4 Ottobre 2012 ed ha origini molto antiche.

In passato il ballo veniva eseguito intorno agli alberi per onorare le divinità dei boschi e celebrare, attraverso riti propiziatori e di ringraziamento anche altre divinità nelle feste stagionali. In tempi non molto lontani durante il ballo si rievocavano non solo le quattro stagioni con i rispettivi lavori agricoli ma anche i dodici mesi dell’anno con le particolari fatiche affrontate dal contadino per ognuno di essi; le Cordelle che partono dal fascio di spighe in cima alla pertica per finire nelle mani dei ballerini simboleggiavano inoltre il fluire della vita, la forza, il benessere e le fatiche affrontate durante l’anno.

Oggi il Ballo è un inno di ringraziamento alla Natura ed alla Provvidenza per il buon raccolto del grano e rinnova inoltre il trionfo della vita e l’amore fecondo. Con il passare dei secoli e l'affermarsi del Cristianesimo, gli abitanti di Petralia, ringraziando per l'annata felice, hanno sostituito a Cerere dea pagana, la Madonna dell'Alto patrona di Petralia Sottana, che dall'alto del monte che porta il Suo Nome, protegge i campi e le valli circostanti.

Prima dell'inizio del Ballo, in tono di preghiera, tutti i ballerini e il più anziano del gruppo, il "Pater Familias". recitano una preghiera di ringraziamento a Gesù, perché con la Madre, ha propiziato l'abbondante raccolta delle spighe. In pieno raccoglimento i ballerini ripetono il ringraziamento alla Madonna dell'Alto e “l'evviva a Gesù”.

Il Ballo della Cordella nella sua espressione danzata una viva e significativa rappresentazione: dodici coppie disposte in cerchio sull'aia, reggono con una mano le estremità di ventiquattro nastri (curdeddi) di diverso colore, pendenti dalla pertica, e le intrecciano nel ritmo delle varie figurazioni in forma di tessuto, sino a costruire una rete, per poi facendo il ballo in senso inverso, discioglierla.

Le quattro figurazioni ottenute dall’intreccio dei nastri di vari colori, celebrano insieme col lavoro dei campi, anche il pane che ne deriva. Le dodici coppie rappresentano i dodici mesi dell'anno e le costellazioni che ruotano attorno al sole, autore della fecondità agreste e della vita. La danza è inoltre omaggio augurale ai giovani sposi affinché la loro unione sia feconda di prole, benessere e gioia.

Clicca sul pulsante STRUTTURE IN ZONA per scoprire le nostre strutture a Petralia Sottana


Foto Gallery


Recensioni

Inserisci Recensione