+39 320.7954275

Piano Battaglia

Piano Battaglia, storia di una Battaglia...di vino


Descrizione

E' facile immaginare come fermandoci a riflettere sul nome di questa località, il pensiero vada subito ad una grande battaglia svoltasi su queste montagne tra Arabi e Normanni tra il X e XI secolo d.C., o alla leggendaria battaglia contro i Saraceni che si pensa sia stata inventata per esaltare le gesta della famosa famiglia dei Ventimiglia (proprietari di enormi feudi in questa zona delle madonie al tempo del Medioevo); ed in effetti nulla di diverso si potrebbe attribuire al nome dato a questa splendida località montana.

Ma se si scava nella storia di questo luogo, si scopre come forse il suo nome abbia una derivazione ancora più antica, che probabilmente con una battaglia (in senso bellico) non ha nulla a che fare. Si scopre allora che il nome Piano Battaglia derivi forse dalla semplice trasformazione di un vocabolo di origine greca che indicava un gioco conviviale, il "cottabo" (divenuto poi cattaba), termine che effettivamente veniva dato a vari giochi alla cui base era proprio l'utilizzo del vino. Ed erano proprio i pastori e i boscaioli delle Madonie che sin dall'epoca dei Greci, usavano il nome "Cattaba" per chiamare una gara di velocità basata sul taglio della legna che si teneva con cadenza annuale proprio ai margini di questi pianori erbosi circondati da alberi di faggio; al termine della contesa, abbondanti bevute di vino accompagnavano i boscaioli ubriachi sulla strada del ritorno. Il vocabolo poi si è trasformato nel tempo da piano della cattaba a piano della vattagghia (ovvero bestiame, per indicare i pascoli) per divenire infine Piano Battaglia.

Il pianoro di Piano Battaglia si trova a 1526 metri sul livello del mare incastonato tra due cime meravigliose, Pizzo Carbonara (1979 mt.) e il Monte Mufara (1865 mt). Oggi rappresenta la meta preferita per le vacanze invernali di chi abita la parte occidentale della Sicilia. I boschi di questa zona sono costellati di Faggi, Lecci, Abeti, vi si trovano numerosissimi endemismi floreali come la Peonia, il Lino delle fate siciliano, la Stellina di Gussone, l'Astragalo e lo Spillone dei Nebrodi, e la fauna è composta da numerosi esemplari di Daini, Cinghiali, rettili, uccelli e roditori. D'inverno infine queste alture sono imbiancate dalla neve che soprattutto nel periodo Dicembre-Febbraio abbonda sulle cime di questi meravigliosi luoghi di montagna.

Da sapere:

Nel 1989 la Regione siciliana ha protetto questa zona istituendo l'ente Parco Regionale per la tutela delle bellezze naturali e monumentali, citato in alcune pubblicazione come “Un crocevia dove convivono le piante di tre continenti”. La riserva è divisa in zone contraddistine con le lettere A, B, C, D in base al tipo di protezione dedicato al luogo (da integrale - zona A, a zona di controllo - zona D). Il Parco Regionale comprende i territori di 15 comuni che fanno tutti parte della provincia di Palermo. Inoltre il parco, grazie alla sua importanza geologica, è stato anche inserito nel network internazionale European Geoparks, programma europeo che promuove lo sviluppo di aree naturali di alto interesse geologico.

Come arrivare:

L'uso della propria auto è la maniera migliore (e anche l'unica a meno di scegliere una guida che vi porti sul posto) per raggiungere Piano Battaglia.

  • Per chi proviene dalla parte occidentale della Sicilia (Palermo, Trapani, Mazara del Vallo - percorso ROSSO) occorre percorrere l'autostrada A19 Palermo-Catania in direzione Catania fino allo svincolo di Scillato, proseguire poi sulla strada statale SS643 verso Polizzi Generosa e superato il paese, proseguire sulla strada provinciale SP119 per Piano Battaglia.
  • Per chi proviene dalla parte centro meridionale dell'isola (Agrigento, Sciacca - percorso GIALLO) occorre seguire la direzione per Enna (strada statale SS640) fino al raccordo con l'autostrada A19 Palermo-Catania; giunti in autostrada, proseguire in direzione Palermo fino allo svincolo per Tremonzelli, proseguire poi sulla strada statale SS120 in direzione Castellana Sicula e sulla strada statale SS643 in direzione Polizzi Generosa. Superato il paese, proseguire sulla strada provinciale SP119 per Piano Battaglia.
  • Per chi proviene dalla parte centro-sud orientale della Sicilia (Catania, Siracusa, Ragusa - percorso VERDE) occorre percorrere l'autostrada A19 (Palermo-Catania) in direzione Palermo fino allo svincolo per Tremonzelli, proseguire poi sulla strada statale SS120 in direzione Castellana Sicula e sulla strada statale SS643 in direzione Polizzi Generosa. Superato il paese, proseguire sulla strada provinciale SP119 per Piano Battaglia.
  • Per chi infine proviene dalla parte nord orientale della Sicilia (Messina, Cefalù, Isole Eolie - percorso BLU), occorre percorrere l'autostrada A20 Palermo-Messina in direzione Palermo fino all'uscita per Castelbuono/Pollina, proseguire poi per Castelbuono (strada statale SS286), ancora in direzione Isnello (strada provinciale SP9) ed infine, superato Isnello, in direzione Piano Battaglia utilizzando la strada provinciale SP54.


Foto Gallery


Recensioni

Inserisci Recensione