+39 320.7954275

Riserva Naturale Orientata dello Zingaro

Riserva dello Zingaro il paradiso d'acqua turchese


Descrizione

Riserva Naturale Orientata dello Zingaro

Correva l’anno 1980 quando 3000 siciliani in marcia di protesta pacifica, presero simbolicamente possesso di un pezzo della loro meravigliosa terra togliendola a quelle ruspe che già dal 1976 minacciavano di sfregiare il volto di quel tratto di magnifica macchia mediterranea con una grigia strada litoranea. Ed è da allora che questo tratto di costa della Sicilia lungo 7km incanta ogni visitatore che solca i lunghi e soleggiati sentieri che attraversano questa splendida riserva naturale orientata in Sicilia.

Istituita ufficialmente nel 1981 ed affidata all’Azienda Regionale Foreste Demaniali, la riserva si estende nel tratto di mare compreso tra Scopello e San Vito lo Capo ed ha una superficie di 1640 ettari circa; i sentieri che la attraversano, si snodano lungo tutto il costone roccioso ricoperto dalla tipica macchia Mediterranea (limonio, endemico esclusivo nel tratto di costa compreso tra lo Zingaro e Balestrate, garofanino, fiordaliso di Sicilia, Brassica bivoniana, cavolo selvaggio, erba perla ecc...) e non è difficile incontrare anche varie specie di rapaci come l’aquila del Bonelli o il gheppio piccolo falco il barbagianni, l'allocco, la civetta nonché animali terrestri come ricci, volpi,istrici e diverse specie di rettili.

Per gli amanti del mare poi la riserva è un vero paradiso terrestre. Questa è costellata da 7 calette di ciottoli e mare turchese che si intervallano lungo i 7 km di costa; ogni caletta rappresenta una piccola insenatura ai piedi della montagna ed il fondale roccioso, prosecuzione naturale del monte, scende di livello rapidamente dando ai visitatori della riserva la possibilità di fare una freschissima nuotata e di scoprire il meraviglioso paesaggio subacqueo che la riserva offre. Proprio per questo lo snorkeling è una delle attività particolarmente consigliate anche perché nel tratto di mare della riserva vige il divieto assoluto di pesca (mentre nella zona montana quello di caccia) per cui la flora e la fauna sia terrestre che marina sono davvero rigogliose.

Infine, per chi ama il trekking e vuole percorrere i sentieri della riserva, numerosi sono i rifugi dove è possibile sostare e bivaccare (dietro consenso della direzione della riserva). E’ possibile visionare la mappa degli stessi all’ingresso della riserva (sia dal lato di San Vito lo Capo che da quello di Scopello) nonché scaricarla dal nostro sito internet.

Come ragiungere la RNO dello Zingaro:

La riserva ha due diversi ingressi, uno dalla parte di Scopello ed uno dalla parte di San Vito lo Capo. Non sono previsti mezzi pubblici utili per raggiungerla per ci sono solo 2 alternative.

La prima è quella di utilizzare la propria auto:

  • Per chi proviene dalla parte centro-nord orientale della Sicilia (Palermo, Messina, Catania, Siracusa) percorso ROSSO, passando da Palermo si consiglia di percorrere l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo fino all’uscita per Castellammare del Golfo, proseguire poi sulla strada statale SS187 fino allo svincolo per Scopello ed infine sulla strada provinciale SP63 fino all’ingresso della riserva.
  • Per chi proviene dalla parte centro-sud-occidentale dell'isola (Agrigento, Sciacca, Selinunte, Mazara del Vallo - percorso VERDE) si consiglia di ultilizzare la SS115 fino all'innesto con l'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, proseguire poi in direzione Palermo fino all’uscita per Castellammare del Golfo, ancora sulla strada statale SS187 fino allo svincolo per Scopello ed infine sulla strada provinciale SP63 fino all’ingresso della riserva. 
  • per chi proviene dalla parte nord-occidentale della riserva (Trapani, Marsala percorso GIALLO) passando da Trapani si può percorrere le strade provinciali SP20->SP18-SP16 fino a San Vito lo Capo e poi la strada provinciale SP63 (percorso BLU) se si vuole entrare alla riserva dal lato di San Vito lo Capo; oppure da Trapani imboccare la strada statale SS187 fino allo svincolo per Scopello ed poi sulla strada provinciale SP63 fino all’ingresso della riserva.

La seconda è quella di affidarsi alle varie escursioni organizzate che vi accompagnano alla riserva sia via terra che via mare (in particolare da San Vito lo Capo ci sono tante associazioni che organizzano escursioni quotidiane con aggiunta di degustazioni, immersioni e tanto divertimento).

Consigli di viaggio:

Il primo importantissimo consiglio per chi visita la riserva è legato all’abbigliamento ed agli accessori. Considerando che per buona parte della giornata il sole vi accompagnerà durante la vostra escursione e che camminerete molto lungo gli stretti sentieri che percorrono la riserva, vi consigliamo di indossare indumenti comodi (in particolare non dimenticare maglietta, cappellino e soprattutto scarpe da tennis, oltre alle ciabatte o scarpe per il mare), di spalmarvi tanta crema protettiva e di portare nello zaino dell’acqua che possa bastarvi per tutta la giornata insieme ad uno spuntino (non ci sono punti di ristoro dove comprare qualcosa da mangiare o da bere).

Il secondo consiglio riguarda le calette: considerate che le prime calette sono quelle più affollate (perché più facilmente raggiungibili) per cui più vi spingete oltre le prime due calette (a prescindere dal lato in cui decidiate di entrare) meno gente troverete.

Infine...non dimenticate assolutamente maschera e boccaglio!

 

Clicca sul pulsante rosso STRUTTURE IN ZONA in alto alla pagina per scoprire le strutture vicine dove dormire alla Riserva dello Zingaro


Foto Gallery



Recensioni

- 10/04/2018 -

Laura Vejarano

Ho fatto un bellissimo giro naturalistico alla riserva dello zingaro. Lo consiglio a tutti!! Non mi sentivo la turista ma l'ospite speciale. Grazie a Siculo Trip!

Inserisci Recensione